Museo Universitario

Firenze – Museo di Antropologia ed Etnologia

Firenze

Il 28 novembre 2019 il Museo di Antropologia ed Etnologia di Firenze festeggerà 150 anni dalla sua fondazione e per celebrare questo evento parteciperà all’edizione 2019 di Museomix. Nel tentativo di attivare un ripensamento dell’intera istituzione partendo dalla mission originaria per ricondurla verso una visione contemporanea, accessibile e condivisa, il museo si aprirà al dialogo e al confronto con un pubblico più ampio e diversificato. L’obiettivo sarà quello di comunicare il grande valore delle sue collezioni attraverso uno studio critico del passato e uno sguardo rivolto a un futuro aperto e civile. Nell’ottica di creare una più ampia comunità di riferimento, il museo si rivolgerà a un pubblico locale che quotidianamente vive il quartiere su cui insiste l’istituzione, alla grande community di studenti che affollano Firenze nonché alle comunità straniere presenti sul territorio fiorentino e a tutte quelle associazioni che lavorano nel campo dell’integrazione sociale, del dialogo interculturale e dell’accoglienza ai migranti. Ci auguriamo che questi pubblici partecipino attivamente alla rivitalizzazione del museo e della sua missione per “contemporaneizzare” il suo valore socio-culturale.

Il Museo di Antropologia ed Etnologia di Firenze conserva un’ampia collezione di oggetti antropologici provenienti dall’Africa, dall’Asia, dalle Americhe e dall’Oceania creata in un arco temporale di circa 5 secoli. Il nucleo originale deriva dalle collezioni medicee e, più tardi, da quelle settecentesche del Granduca Pietro Leopoldo. Il Museo fu fondato nel 1869 per volontà di Paolo Mantegazza in un’epoca cruciale per la creazione dell’identità nazionale italiana negli anni di Firenze Capitale. La visione di Mantegazza contemplava un’antropologia intesa come “storia naturale dell’uomo”, un campo di studio olistico che indagasse aspetti scientifici e culturali insieme. Durante il periodo colonialista fascista, il Museo fu trasferito nel prestigioso Palazzo Nonfinito dove tutt’ora dimora.

Firenze – Museo di Antropologia ed Etnologia

Museo di Antropologia ed Etnologia di Firenze - Museo di Storia Naturale
Sistema Museale di Ateneo - Università degli Studi di Firenze
Palazzo Nonfinito Via del Proconsolo, 12
50125 Firenze
Firenze

Opening hours

Dall'1 settembre al 30 giugno: martedì/domenica, dalle 9 alle 17 // Dall'1 luglio al 31 agosto: martedì/giovedì dalle 9 alle 17 - venerdì/domenica, dalle 9 alle 13

Luoghi di azione

1/ Ripensare il contesto teorico e metodologico del museo attraverso gli strumenti offerti dall’antropologia collaborativa per migliorare l’interpretazione delle collezioni.

Attivare delle strategie di contatto con le culture rappresentate nelle collezioni museali al fine di definire una più corretta interpretazione delle stesse. In un’ottica di decolonizzazione, l’antropologia collaborativa si pone come un approccio essenziale per tentare di risolvere contraddizioni inerenti alla cura e alla valorizzazione dei reperti, richiedendo un profondo ripensamento dei contesti teorici e metodologici associati alla ricerca e alla divulgazione dei contenuti. Solo così il museo può diventare un ponte in grado di promuovere il dialogo fra popoli, luogo di incontro e contatto per lo sviluppo delle interazioni tra le persone in vista di un reale abbattimento delle barriere culturali, degli stereotipi e del pregiudizio.

2/ Sperimentare con la tecnologia per migliorare la fruizione delle collezioni permanenti all’interno di uno spazio architettonico limitato.

Il museo si caratterizza per la grande varietà di reperti (molti dei quali chiusi in deposito perché i limiti strutturali e architettonici non permettono un’esposizione completa) di diverse origini storiche, geografiche e socioculturali. Ciò comporta una densità di contenuti differenti che avrebbero bisogno di essere comunicati in maniera più efficace all’interno di sale già eccessivamente sfruttate nel loro potenziale architettonico ed espositivo.

3/ Sviluppare le innumerevoli storie raccolte nei reperti a partire dal tema del Viaggio

Raccontare e comunicare i racconti legati alla passione per l’avventura e per la conoscenza che da sempre caratterizza il recupero degli oggetti etno-antropologici. La maggior parte dei reperti racchiusi nelle vetrine e nelle bacheche del museo appaiono come la personificazione delle avventure e dei percorsi intrapresi dai maggiori etnografi-viaggiatori italiani dell‘800. Le collezioni mostrano la genesi delle discipline etno-antropologiche in Italia ma disegnano anche la mappa dei tanti viaggi compiuti dagli studiosi-esploratori che hanno faticosamente contribuito a creare l’identità nazionale anche attraverso il confronto con la diversità e la rappresentazione dell’alterità.

2019 edition

Il team

D'Ambrosio
Coordinatore Progetto – Museo
Bellotti
Coordinatore Progetto – Associazione culturale Forme