Visita forma-le

Guarda le sculture, muoviti nel museo, genera nuove forme, portatele a casa!

Visita Forma-le è un nuovo modo di vivere il museo: il visitatore è invitato a seguire un percorso che si sviluppa dal concetto di “forma”, elemento imprescindibile nella pratica artistica di Carlo Zauli e nella dimensione delle arti plastiche in generale. Rispettiamo il percorso espositivo esistente ma prevediamo nuove didascalie: i contenuti testuali sono semplificati e a ogni sala associamo una forma. L’insieme delle forme costituisce un alfabeto che riassume il percorso espositivo del museo e l’evoluzione stilistica dell’artista. Grazie a queste forme che diventano icone – sintesi grafiche astratte di forme concrete – il visitatore si orienta meglio nella visita al museo e nell’arte di Carlo Zauli. Lo spostamento stesso del visitatore solitario tra le sale del museo e il suo comportamento genereranno una forma nello spazio, che corrisponderà al suo percorso di visita. Una serie di sensori posti nelle sale espositive mapperanno il comportamento della persona e alla fine della visita sarà possibile visualizzare la forma generata dal suo movimento e trasformarla in un oggetto tangibile grazie alla stampa 3D. La creazione vera e propria di questa nuova forma avverrà nel FabLab Faenza annesso al museo, che corrisponde al punto di arrivo della visita. In occasione di MuseoMix, abbiamo realizzato un prototipo che consente di mappare il comportamento non del “visitatore solitario”, ma di un un flusso continuo di numerosi visitatori che insieme generano una nuova forma, sintesi di un comportamento collettivo.

mappa

Durante la sua Visita Forma-le, il visitatore si orienta nel museo grazie a una nuova segnaletica composta da icone, sintesi grafiche di ogni sala. Le didascalie che lo aiuteranno durante il percorso hanno un contenuto testuale semplice. L’insieme delle icone costituisce un alfabeto che riassume la vita e la carriera di Zauli e il percorso espositivo stesso. Lo spostamento del visitatore nel museo  viene mappato grazie a dei sensori sparsi nelle sale. I suoi movimenti generano una forma nello spazio, che corrisponde al suo percorso di visita. Al termine della visita sarà possibile visualizzare la forma generata per trasformarla in un oggetto tangibile grazie alla stampa 3D. La creazione vera e propria di questa nuova forma avverrà nel FabLab Faenza annesso al museo, che corrisponde al punto di arrivo della visita.

cartolina

Abbiamo visitato il museo e abbiamo riflettuto sul concetto di « forma » che è un elemento imprescindibile nell’arte di Carlo Zauli e nel percorso espositivo. Abbiamo notato che il percorso espositivo segue una logica temporale che corrisponde a quella tematica, e funziona. Abbiamo quindi deciso di intervenire solo su didascalie e segnaletica. Abbiamo disegnato delle icone da associare a ogni sala, che vanno a costituire dei punti di riferimento per il visitatore nella sua visita. Abbiamo simulato l’installazione di sensori all’interno del museo per mostrare come il movimento delle persone generi delle forme. Abbiamo stampato con le stampanti 3d alcuni prototipi.

Abbiamo prodotto: una didascalia (testi + immagine grafica) , nuova segnaletica (grafica) , una cartolina (testi+immagine grafica) , installazione sensori arduino.

img_5673

 

Gli sconvolti: belli e intelligenti/beautiful and smart/jolie et intelligent

 

bei

 

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

bc5a0316c6819ca4b4b696cfb0bb6ccfXXXXXXXXX