Braille Box

La chiave per la conoscenza

Le opportunità di fruizione saranno due: una all’interno dello spazio museale o all’interno di un luogo altro della città di Bologna. L’altra vedrà la produzione di un cofanetto che conterrà tutti e tre i formati e i modi di apprendimento del codice. Le presentazioni dei due output saranno diversificate per fornire due diversi approcci esperienziali, uno pubblico e uno privato.

Il lavoro ha prodotto tre prototipi che hanno formati e materiali diversi, uno cartaceo, un gioco arcade e uno strumento di apprendimento. L’unione dei tre costituisce l’output finale : BRAILLE BOX,  che ha due collocazioni e diffusioni; una di fruizione all’interno del museo e di altri spazi pubblici, quali biblioteche o altri musei, e l’altro di diffusione anche commerciale, che consente di fruirne nella cerchia familiare o amicale. scopo del prototipo è quella di promuovere l’inclusione interattiva e paritaria fra vedente e non vedente, oltre alla conoscenza del codice Braille, delle sua modalità di uso e della sua storia.

 

Scopo:
Si vuole fornire uno strumento che consenta un dialogo, il più possibile paritario tra vedeneti e non vedenti attraverso il codice braille.

Strumenti e tecniche:
Per il gioco e il supporto digitale; arduino, programmi di grafica, programmazione in processing, making, stampa 3D, taglio laser, penna 3D

Per il cartaceo; bozzetto cartonato e testi.

Legno, plastica, componenti multimediali, Arduino, testi storici, macchina fotografica, strumenti per il Braille.

Si vuole creare un cofanetto da commercializzare per imparare in forma ludica il Braille

Comunicatori: 1

Maker: 1

Programmatori: 2

Contenuti: 2

Design: 2

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

6c2a5115bfb54b1b92bad6d0c5cbec26%%%%%%%%