Firenze | Montelupo Fiorentino

Museo della Ceramica di Montelupo

Il museo raccoglie le testimonianze della produzione ceramica di uno dei più importanti centri di fabbrica in epoca rinascimentale, non solo d’Italia, ma dell’intero Mediterraneo.
Il museo si articola in due piani ed ospita circa 1000 maioliche databili tra il 1200 e la fine del 1700 allestiti su un doppio livello di lettura: cronologico e tipologico nei corridoi del primo e secondo pianto, tematico nelle 9 sale che si affacciano sui corridoi.

Il Museo e il MMAB
I museomixer non si troveranno solo dentro un museo ma in uno spazio più complesso e articolato: il MMAB, uno spazio integrato di servizi culturali per la comunità che comprende Museo della Ceramica, Biblioteca Comunale e Archivio storico nel quale all’interno del quale è possibile trascorrere tempo in biblioteca o nelle sale lettura, visitare il museo, partecipare a laboratori, usufruire di spazi informativi per i cittadini, partecipare a eventi organizzati dal comune e da altre realtà del territorio.
La hall di accoglienza del pian terreno si presenta proprio come una piazza dei saperi alla quale fa da parallelo, nel periodo estivo, la spianata esterna con il loggiato.
L’edificio vanta poi la presenza di un punto ristoro interno, che fornisce un ulteriore serivizio all’utenza.

Un museo accessibile
Nel disegnare il nuovo allestimento è stato previsto un percorso tattile per ciechi (e non solo) ben preciso e delineato: per la prima volta non si ritaglia uno spazio in un museo già organizzato, ma è contestuale all’allestimento.
Sono stati individuati i tratti distintivi del museo per poi tradurli sia nel linguaggio braille lungo tutto il percorso, sia in elementi tattili (i fregi delle decorazioni nel loro meraviglioso mutare) e in una serie di oggetti realizzati grazie a una stampante tridimensionale che saranno presenti nelle 9 Sale Tematiche.

Un museo a misura di bambino
Lupo Zaffero, la mascotte del Museo, guida i piccoli visitatori in un percorso studiato appositamente per loro, attraverso schede didattiche collocate “ad altezza di bambino” in italiano e in inglese. Inoltre, in alcune sale sono state create specifiche postazioni didattiche nelle sale della mensa, dei
capolavori, della farmacia storica, del pozzo. Ai bambini poi è interamente dedicata la sala delle piante e degli animali.
La visita dei più piccoli sarà accompagnata anche da giochi e quiz che permettono di conoscere la ceramica in maniera intuitiva e divertente.
L’esperienza di Montelupo può essere esempio da seguire affinché i musei diventino fruibili a un pubblico sempre più allargato e possa svilupparsi un nuovo approccio alla didattica affinché i centri espositivi siano aperti anche ai più piccoli (educazione scolastica) a coloro che non hanno conoscenze approfondite.

Il Remix del Museo della Ceramica:
Come detto il museo  il museo si articola in due piani composti da corridoi con esposizione tipo-cronologica e sale tematiche si si affacciano su questi.
Quersti sono di fatto gli spazi che nelle nostre intenzioni devono essere oggette del remixaggio che nella nostra idee deve riguardare in primis la modalità di percezione, fruizione e lettura delle collezioni nel suo complesso andando ad intervenire indubbiamente sui corridoi che sono percepiti ad oggi come un corollario alla visita mentre invece ne cosituiscono una parte basilare poiché illustrano l’evoluzione della forma nel tempo e nella storia che poi viene esplicitate e approfondita nelle sale tematiche. Le 9 sale tematiche del museo: Mensa, Pozzo dei lavatoi, Bottega, Capolavori, Esportazioni, Stemmi, Farmacia e Fiori e Animali, saranno inoltre protagoniste del lavoro di remixaggio sia in temini di strumenti di fruizione che di potenzialità espressive dei singoli oggetti. Vogliamo estendere poi il coinvolgimento anche agli spazi della Biblioteca, dell’archivio e degli spazi della hall interna e della piazza esterna con l’idea di concepire l’intero spazio del MMAB come luogo da remixare per creare nella realtà dei fatti e non solo nelle intenzioni un luogo creativo interconnesso, dialogante e integrato.

Clicca qui per scaricare il dossier

Seguici su:

 

Dove

Piazza Vittorio Veneto, 11 Montelupo Fiorentino, Italia

Quando

Aperto dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 19.

Dal 10 al 12 novembre 2017, durante museomix, orario per le équipe: 8:00-22:00

Narrazioni
Il filo narrativo degli oggetti esposti che sono narrati attraverso
didascalie, pannelli introduttivi che inquadrano periodo e tematica ma che poi trovano nelle
vetrine una densità di contenuti non sempre immediati o facili da leggere e comprendere.
Si pone quindi la necessità di pensare a degli strumenti di narrazione diversi che aiutino il
visitatore a cogliere gli elementi salienti dei contenuti e degli oggetti esposti in maniera più
immediata e mediata.
MMAB
Il museo fa parte di un organismo più complesso che è quello del centro
culturale o moeglio il MMAB, l’insieme di archivio, Biblioteca e Museo che dialogano ad oggi
solo in termini di spazi contigui ma che possono invece creare fra loro una contaminazione
densa di valore, in che modo si possono fare vivere davvero all’unisono? In che modo
mediare la reale contaminazione degli spazi?
A braccia aperte
Il Museo comunica la sua presenza e la sua capacità di
accoglienza all'esterno, si riscontra infatti una sorta di timore a varcare la soglia del museo
soprattutto da parte dei cittadini residenti e delle persone del territorio limitrofo mentre uno
degli obiettivi che il museo vorrebbe raggiungere è quello di essere percepito come luogo
aperto, accogliente e amichevole rompendo la formalità e l'eccesso di specificità che la
natura della sua collezione possiede. Lo scopo è quello di estendere il concetto di piazza
aperta dei saperi che anima l'hall del pian terreno anche ai piani di visita del museo
rafforzando l'integrazione dei servizi dell'edificio e la circolazione dei saperi in tutte le sue
parti.

Museum side

Michela Malvoltimalvolti@promocultura.it
Promocultura
Alessio Ferraria.ferrari@museomontelupo.it
Referente Museo per Comune di Montelupo
Benedetta Falterib.falteri@musemontelupo.it
Reponsabile Museo e Fondazione Museo della Ceramica di Montelupo
Marzio Crescimarzio@culturachianti.it
Archelogo Museo e Fondazione Museo della Ceramica di Montelupo

Community side

Paolo Mazzantipaolo.mazzanti@gmail.com
NEMECH New Media for Cultural Heritage | Museomix Italia
Cristina Casadeicristina.casadei@gmail.com
Museo Carlo Zauli | Museomix Italia

Museomix IT

Museomix italia è una community nata l’8 ottobre 2015, grazie alla conferenza internazionale “the creative museum”, organizzata a Bologna dall’Istituto per i beni artistici culturali e naturali dell’Emilia-Romagna, durante la quale Juliette Giraud “ingénieuse culturelle” e mediatrice per museomix e Fabrice Denise, responsabile del dipartimento dei pubblici al Musée départemental Arles antique, hanno tenuto un workshop su MuseoMix e risposto alle domande del pubblico. In quella occasione, circa 40 persone provenienti da musei e istituzioni culturali di tutta Italia, venute appositamente per conoscere MuseoMix, hanno decretato la nascita della community.

Tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016, grazie a un intenso lavoro di pubblicazione di news provenienti dalla community globale, spesso tradotte in italiano, molti musei si sono interessati a MuseoMix e molti, da diverse parti d’Italia, hanno deciso di iniziare a lavorare alla candidatura.

[SCRIVICI] ciao@museomix.it

31fe5e8149945d308083a10696f0ec4a;;;;;;;;;